Prendiamoci cura dei nostri vestiti!

Ciao a tutte!

Eccomi con un nuovo post sul blog! Qui parliamo tanto di outfit, di shopping eccetera… ma una volta arrivati a casa, i nostri preziosi vestitini hanno bisogno di cure amorevoli per restare sempre perfetti come il primo giorno che li abbiamo comprati!

No, non parlo di andare a fare gli occhioni dolci all’ultimo maglione che avete comprato, oppure di fare le carezze al vostro paio di jeans preferiti, ma di cure amorevoli durante il lavaggio, l’asciugatura e la stiratura.
Ogni capo di abbigliamento nell’etichetta riporta non solo la taglia, ma tante utili indicazioni da seguire per evitare che dopo poco il capo sembri già vecchio o scolorito.

Avete presente quelle strane iconcine, con cerchi o quadrati con puntini, vaschette con l’acqua, triangoli, ferri da stiro…Non sono ideogrammi giapponesi e nemmeno dei geroglifici egizi 🙂 🙂 ma più “semplicemente” i simboli di lavaggio!!

Sono sicura che in tantissime non ci diamo nemmeno un’occhiata quando compriamo un vestito, tanto… “ci pensa la mamma”!      Vero? 😉

GiveItToYourMother
…Oppure, dallo a tua madre. Lei sa come si fa.

In realtà, è importante conoscere questi simboli un pò misteriosi, per evitare di comprare qualcosa che magari ci costa 10,00€ in saldo e poi ne paghiamo 15,00€ per lavarlo in tintoria, perchè può essere lavato solo a secco! Per cui, mi sono messa all ricerca del significato preciso di ogni simbolo e oggi condivido i risultati della mia ricerca e della mia piccola “esperienza” con voi! 🙂

Punto 1: il lavaggio.

Solitamente, la prima iconcina della nostra etichetta ci mostra come dobbiamo lavare il capo. Se il capo non può essere lavato a  mano, ma solo a secco (quindi in TINTORIA) troverete il simbolino di una bacinella con dell’acqua con una bella “X” sopra. Un bello sbatti, portare la roba in tintoria!

Se siete un po’ più fortunate, troverete l’iconcina con una mano dentro l’acqua. Questo significa che il capo può essere lavato a mano a una temperatura solitamente non superiore ai 40° (sfido io a mettere le mani nell’acqua bollente! 🙂 )

Se siete super fortunate, troverete la stessa iconcina con un numero. Ciò significa che potete lavare il capo in lavatrice yuhuuuu!- senza superare la temperatura indicata. Attenzione! Se la vaschetta ha sotto una riga orizzontale, vuol dire che lo dovrete lavare con un programma per delicati!

Fa sempre parte del “fantastico mondo del lavaggio” l’icona triangolo. Mi sono chiesta per molto tempo cosa significasse questo triangolo e ora lo so: la candeggina. Se sopra al triangolo trovate la X… esatto: vuol dire che non può essere usata la candeggina. Se il vostro triangolo  invece è “vuoto” vuol dire che potete usare candeggina a base di ossigeno o cloro, se ha delle righe all’ interno, vuol dire che potete usare una candeggina a base di solo ossigeno. (Da domani, tutte a controllare l’etichetta della candeggina? 😀 )

Probabilmente, verso il fondo dell’etichetta, troverete anche un cerchio. Chi ha inventato questo sistema doveva essere un po’ sadico… sapete cosa indica il cerchio? Il lavaggio a secco. Qualcuno mi dovrà spiegare cosa si erano fumati prima di inventare questa simbologia…

Tornando al discorso: come sempre, se c’è la “X” sopra al cerchio vuol dire che il capo non può essere lavato a secco (tiè, tintoria!) mentre se trovate un cerchio con delle lettere… fregatevene: sono indicazioni per gli “addetti ai lavori” e solo gli addetti alla tintoria sanno decifrarli (praticamente indicano quali solventi, idrocarburi ecc.. utilizzare).

Punto 2: asciugatura e stiratura

Per chi di voi ha l’asciugatrice a casa, è importante sapere che è indicata con un bel quadrato. Con dentro un cerchio. Ovvio: abbiamo avuto il cerchio, il triangolo, vogliamo farci mancare il quadrato?

Ormai non lo dico più che se ha la “X” sopra non può essere messo nell’asciugatrice, mentre i puntini indicano se deve essere usato un programma delicato (un puntino) o il programma normale (due puntini).

In alcune etichette (soprattutto nei capi non italiani) potreste trovare anche il quadrato senza il cerchio dentro (come dicono i prestigiatori: mooooore difficult!)  e questo significa che lo dovete far asciugare all’aria in diversi modi: se ha una specie di trattino nel mezzo, vuol dire che lo dovete far asciugare steso. Se ha delle righe oblique, vuol dire che deve asciugare all’ombra. Figo, eh?

Ultimo, ma non per importanza, troverete il simbolino del ferro da stiro (questo è intuitivo, dai!) sempre con la “X” se il capo non può essere stirato (ma tanto, chi ne aveva voglia??) mentre se ha dei puntini, questi indicano che si può stirare (sigh!) e qual è la temperatura da utilizzare: 1 puntino indica la temperatura minima e 3 la più alta.

Vi prego: ditemi che sapevate che il ferro da stiro ha la temperatura regolabile 😀

Grazie al cielo, le indicazioni sono finite.

Diciamo che comunque, ci sono delle linee di massima che si possono seguire per il lavaggio dei capi a seconda del tipo di tessuto e uso:

Le t-shirt di cotone, anche colorate, possono essere lavate al massimo fino a 60° ed essere asciugate senza troppi problemi e stirate.

Le camicie, anche colorate, è bene lavarle con dei programmi delicati in modo da non sgualcirle o rischiare di rovinare i colletti. Non mettetele al di sopra dei 40-50°. Controllate l’etichetta: se si possono mettere in asciugatrice, risparmierete un sacco di beghe durante la stiratura.

Seta, lana, capi di intimo andrebbero lavati solo con programmi super delicati o meglio (secondo me) direttamente a mano. So che è uno sbattimento, ma questi accorgimenti possono salvare la vita dei vostri amati vestitini. O dei reggiseni push up. 😉

Menzione speciale per paillettes, perline, stampe eccetera. Una volta che anche voi vi dedicherete al bucato, capirete perché vostra mamma imprecava in otto lingue diverse quando portavate a casa un top sbrilluccicosissimo con mille paillettes. Se non state attente, si staccheranno tutte, ve le troverete in giro e vi troverete tutti i filini tirati. SEMPRE SEMPRE SEMPRE A MANO.
E vi giuro che questo lo sapevo anche prima di fare questa ricerca 😀

 

E voi? Sapevate già queste indicazioni? Siete delle ninja del bucato o avete scoperto qualcosa di nuovo oggi?

Fatemi sapere!!

Annunci

2 pensieri riguardo “Prendiamoci cura dei nostri vestiti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...